In questo mese di febbraio abbiamo scelto di raggiungere un piccolo paese dell’entroterra sardo: Orani. Lo scopo del viaggio è quello di vedere la sfilata che si tiene qui per il carnevale… ma parleremo di questo in un articolo successivo.
Ora iniziamo a conoscere questo posto, lontano dagli itinerari più frequentati, ma che riserva gradite sorprese!



Il paese di Orani

Ci troviamo in un piccolo centro abitato nel cuore di una valle, circondato dai boschi e dai monti della Barbagia; un luogo poco conosciuto dal turismo di massa, in cui è ancora forte il richiamo delle tradizioni.
Tra le principali attrazioni ricordiamo il museo dedicato a Costantino Nivola, artista e scultore oranese.
Quest’uomo, che ha saputo reinterpretare gli usi e i materiali locali facendone opere d’arte moderna, ha lasciato molte tracce in questi luoghi. Un esempio particolare è la secentesca Chiesa di Nostra Signora d’Itria, nel cuore del paese: l’edificio presenta in facciata un graffito di Costantino Nivola, realizzato nel 1959.


Chiesa di Nostra Signora d'Itria

Il paese non è molto esteso e con una passeggiata nei vicoli del centro, si raggiungono i principali luoghi d’interesse, tra cui le varie chiesette dell’abitato e piazza Italia, dove si trova il municipio.


Orani, piazza del municipio

Panorami dal Monte Gonare

Nelle belle giornate, è consigliabile fare una breve escursione estremamente panoramica a pochi chilometri da Orani, sulla cima del monte Gonare. Qui si trova il santuario di Nostra Signora di Gonare, risalente al XVII secolo, in un punto che offre straordinarie vedute sulle vallate circostanti.
Nell’attesa della sfilata pomeridiana, decidiamo di fare un giro in zona e percorriamo in macchina la strada asfaltata che sale sul monte. Arriviamo sino ad un piccolo agglomerato di case tra i boschi del monte Gonare, non lontano dalla vetta; si tratta delle suggestive cumbessias, edifici utilizzati dai pellegrini diretti al santuario.


Cumbessias di Monte Gonare

Cumbessias di Monte Gonare

Statua di Nostra Signora di Gonare

Cumbessias di Monte Gonare

Monte Gonare

Qui la strada finisce e inizia il ripido sentiero che conduce sino alla chiesa di Nostra Signora, percorribile a piedi in una ventina di minuti.
Parcheggiamo, ma purtroppo il tempo non è dei migliori e inizia a cadere una sottile pioggerellina. Decidiamo quindi di non salire fino al santuario, fermandoci ad osservare le cumbessias ed il panorama che da qui si gode. Sicuramente le vedute sono meno ampie rispetto a quelle dalla vetta, ma comunque piacevoli e ci permettono di apprezzare le vallate ed il paesaggio circostante.


Cumbessias di Monte Gonare

Panorama dal Monte Gonare




L'Autore

Esploratore e scopritore nell'isola di Sardegna. Autore del blog Sardinia 4 Emotions, per condividere emozioni ed esperienze vissute in questa magica isola.

Lascia un commento

avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *